Sanzioni – Articolo 6 D.lgs 193/2007

Le sanzioni previste per la mancata o non corretta applicazione delle norme previste per l’HACCP sono contenute nell’articolo 6 del D.lgs 193/2007 intitolato “Attuazione della direttiva 2004/41/CE relativa ai controlli in materia di sicurezza alimentare e applicazione dei regolamenti comunitari nel medesimo settore”.

L’entità delle sanzioni HACCP, amministrative ma anche penali, varia in base alla gravità del reato commesso.
Per esempio può essere previsto anche l’arresto da sei mesi a un anno nel caso in cui venga effettuata la macellazione di animali, di produzione e preparazione di carni in luoghi diversi dagli stabilimenti tale fine riconosciuti .
Altre sanzioni amministrative possono arrivare fino a 30.000 euro di multa come nel caso in cui vengano immessi sul mercato molluschi bivalvi vivi, provenienti da zone giudicate non idonee o precluse dalle autorità competenti.
La sanzione prevista per l’omissione delle procedure di autocontrollo basate sui principi del sistema HACCP va da euro 1000 a euro 6.000.
Stessa sanzione amministrativa prevista qualora, dopo aver, l’autorità competente,  riscontrato inadeguatezze nel piano HACCP e aver stabilito i tempi entro i quali devono essere eliminate, il responsabile non dimostri  la risoluzione delle stesse.

Perché rischiare di pagare cifre così alte quando con poco più di 150 euro (redazione manuale) o 250 (consulenza completa) la tua azienda può essere in regola?
Il costo minimo (dipende dalla complessità dell’azienda) per la consulenza e redazione del manuale HACCP effettuata dagli esperti di PMI Servizi è euro 150 euro + Iva.

Vuoi avere maggiori informazioni?
Contattaci adesso, preventivo GRATUITO!